Auto d'Epoca
Auto Antiche   -   Contatti   -   Mappa del Sito   -   Auto Nuove   -   Raduni auto d'epoca   -   Fan Club ufficiali
automobili

Autobianchi A112 Abarth

automobili
automobili classiche
Autobianchi >>

La Autobianchi A112

A112 Abarth

La storia della Autobianchi A112 Abarth

La più amata, la più desiderata, la più vincente e la più collezionata.

 

La Autobianchi A112 Abarth è una vettura che ha scritto un pezzo di storia dell'automobile.

 

Realizzata ovviamente sulla base della A112 dalle Officine Abarth di Carlo Abarth, venne prodotta fin dal 1971.

 

Il motore, nella prima serie (costruita dal 1971 al 1973), aveva lo stesso motore della versione Autobianchi, ma con una cilindrata di 982 cc, nuovi pistoni, albero a camme e albero motore, un carburatore doppio corpo.

 

La sua potenza era di 58 cavalli, con una coppia di 7,5 Kgm a 3.800 giri. Un motore quindi potente che, abbinato ad un peso ridotto della vettura, la spingeva ad una velocità massima di 152 km/h, oltre 15 km/h rispetto alla versione normale.

 

Anche esternamente, la A112 Abarth si caratterizzava anche per le finiture estetiche particolari, che conferivano alla macchina un aspetto più aggressivo e sportivo.

 

La terza serie, realizzata dal 74 al 77, disponeva di importanti modifiche meccaniche, con un nuovo propulsore da 1050 cc ed una potenza di 70 cavalli.

 

La Abarth ottenne grandi successi anche nelle corse automobilistiche, nei rally in particolare, con un Trofeo A112 Abarth, disputato dal 1977 al 1984.

 

Il successo della A112 Abarth fu enorme, nonostante, ovviamente, sia stata venduta in meno esemplari rispetto alla versione normale. Ma, ad oggi, le A112 Abarth riscuotono grande successo tra i collezionisti di auto d'epoca.

 

 

automobili antiche
Caratteristiche Tecniche

 

 

Motore:

tipo A112 A1.000, posizione anteriore, 4 cilindri in linea

alesaggio x corsa: 65 x 74 mm

cilindrata 982 cm3,

rapporto di compressione 10:1

potenza 58 CV DIN a 6600 giri/min

distribuzione a valvole in testa con comando ad albero a camme laterale, aste e bilancieri. Alimentazione con carburatore doppio corpo Weber DMTR 32

Raffreddamento ad acqua a circolazione forzata, lubrificazione forzata, radiatore olio e filtro a cartuccia.

Impianto elettrico 12 V, accensione a spinterogeno e bobina, dinamo 20 A, batteria 34 Ah.
Corpo vettura:

berlina a 4 posti, autotelaio a scocca portante.

Sospensioni anteriori a braccio con montante telescopico (McPherson).

Sospensioni posteriori a balestra trasversale e bracci longitudinali, barre stabilizzatrici anteriore e posteriore, ammortizzatori idraulici telescopici anteriori e posteriori.

Freni anteriori a disco, posteriori a tamburo, servofreno, freno di soccorso meccanico sulle ruote posteriori, sterzo a cremagliera.
Trasmissione: frizione monodisco a secco (disco 160 mm), cambio a 4 velocità + RM, trazione anteriore, riduzione finale coppia cilindrica con rapporto 13/61

pneumatici 135 SR 13.
Dimensioni e peso:

passo 2038 mm, carreggiata anteriore 1250 mm

carreggiata posteriore 1224 m

lunghezza 3230 mm

altezza 1340 mm

peso in ordine di marcia 690 kg.
Prestazioni: velocità 150 km/h.

 

 

 

 

 

 

 

Autobianchi
Volkswagen d'epoca:

Tutte le auto d'epoca:

Alfa Romeo Audi
Autobianchi Bmw
Citroen Ferrari
Fiat Ford
Innocenti Jaguar
Lancia Maserati
Mercedes Benz Mini
Porsche Volkswagen

auto antiche
 

auto antiche

powered by mammanet 2008 -

Vietata la riproduzione anche parziale di testi ed immagini.


Concessionari Auto | Contatti | Segnala Raduno | Segnala sito |

 

Pubblicità su Auto Antiche